By

 

 

L’altra sera, non so come, a casa di amici, si è venuti a parlare del ruolo che gioca il caso nella nostra vita. Quanto, di ciò che ci accade, dipende dalla nostra volontà, dai nostri programmi, dalle nostre decisioni, dalle nostre azioni? E quanto invece dipende da quello che normalmente si è soliti chiamare “caso” (buona o cattiva sorte che sia), da quegli eventi cioè che accadono senza che li si possa in qualche modo prevedere e prevenire, e che tuttavia si rivelano poi a volte addirittura determinanti nella nostra vita?

Domanda da un milione di dollari, ovviamente. Il “quanto” è pressoché impossibile da stabilire, ma che nella vita di ciascuno giochino entrambi i fattori (ciò che dipende da noi e ciò che è imprevedibile) è tanto ovvio quanto noto a chiunque.

Il discorso però si è fatto più intrigante quando qualcuno ha introdotto un altro tema collaterale. Siamo poi sicuri che esista davvero il cosiddetto “caso” o che non si tratti piuttosto di un vocabolo passe-partout con il quale usiamo classificare qualunque accidente ci capiti inopinatamente tra capo e collo? A questo punto, infatti, qualcuno dei commensali è andato a ripescare il vecchio, suggestivo e popolare concetto di “destino”: tutto ciò che accade è già scritto, altro che caso. E’ emersa però a tale proposito un’interpretazione, come dire, laica del concetto di destino, spogliata da quanto di mistico e misterico la parola porta generalmente con sé.

Ed ecco il ragionamento che è stato fatto. E’ autunno, una foglia si stacca da un ramo. La si vede volteggiare, compiere piroette e giravolte e poi cadere al suolo e fermarsi in un determinato punto. Perché proprio quella foglia e non un’altra, perché proprio in quel momento, perché planando in quel modo e cadendo in quel punto preciso del suolo e non in un altro? Sicuramente ci sono delle ragioni: la “maturità” della foglia caduca, il punto dell’albero in cui è cresciuta, l’esposizione al vento, le correnti dell’aria, la conformazione delle fronde eccetera. Ci sono sicuramente delle cause. Una molteplicità di cause e concause che in linea di principio si potrebbero anche conoscere tutte e addirittura calcolare nel loro peso reciproco, nella loro interazione.

E’ lecito supporre in effetti che tutto ciò che accade dipende da un’insieme più o meno complesso di cause e concause, ciascuna delle quali, a sua volta, altro non è che l’effetto di una serie variamente ricca e articolata d’altre cause. E così via a ritroso (e all’infinito). Tutto ciò, in teoria (ma solo in teoria), sarebbe calcolabile, e ogni evento è dunque in qualche modo “già scritto”. Ogni cosa che accade non poteva non essere così come è stata.

Forse addirittura ciò che pensiamo, che ci passa per la testa, perfino ciò che sentiamo e proviamo, non può non essere così com’è. (E ci sono argomenti a bizzeffe anche per sostenere questa tesi). Dove va a finire, dunque, in tale visione radicalmente deterministica, il libero arbitrio, se le nostre stesse decisioni, le scelte e le azioni altro non sono che un effetto ultimo di cause remote che ci trascendono? Non siamo dunque liberi affatto, come invece ci illudiamo di essere? Tutto è già scritto? Tutto è predestinato?

Può darsi che le cose stiano così – è stata la conclusione provvisoria dei commensali – ma poiché il “destino” che sta dietro all’anzidetta caduta della foglia è, in pratica, inconoscibile, non resta altro, a noi poveri umani, che una possibilità: vivere “come se” questo tirannico destino non esistesse affatto, come se tutto ciò che ci accade dipendesse da noi, dalle nostre scelte e decisioni e azioni. (E allo stesso tempo rassegnarci all’idea che le cose non stiano esattamente così).

Nato a Napoli nel 1953, vive e lavora da quarant’anni a Milano. Insegna lettere nella scuola superiore. Ha collaborato con agenzie pubblicitarie, con società di ricerche di mercato e con numerose testate specializzate in management, packaging, marketing, edilizia, arredamento. Ha pubblicato con la Mondadori alcuni testi scolastici e di recente una raccolta di brevi saggi di costume dal titolo “La bussola del dubbio”.
  • Ivo Zùnica

    Nell’articolo non è (per ragioni di spazio) sviluppato un aspetto molto importante, e cioè: quanto, perfino di ciò che pensiamo e proviamo, è deterministicamente causato?
    Però il punto cruciale non è questo, bensì quello che sta nella chiusa: anche nell’ipotesi che tutto sia “già scritto” e predestinato, che importa, dal momento che il “destino” (questo tipo di destino) è inconoscibile? Dunque (si conclude) bisogna fare senza: bisogna vivere come se non ci fosse (anche nell’ipotesi che ci sia) e come se ogni cosa dipendesse da noi. E’, come dire, una forma di “presunzione necessitata”.